Contenuto pagina
Mediateca Montanari e Biblioteca Federiciana

Gli scavi archeologici

La Mediateca Montanari - MeMo sorge su un importante sito della Fano romana, di cui restano notevoli strutture visibili nei sotterranei della ex-Scuola Luigi Rossi, sede della Mediateca.
Si tratta di un’ampia area cinta da portici con colonne in laterizio, stuccate e con basi e capitelli tuscanici di pietra calcarea, forse da collegare al vicino teatro come area destinata alla frequentazione degli spettatori in occasione degli spettacoli.
Il complesso fu realizzato alla fine del I secolo a.C.
Addossato al lato est del quadriportico fu in seguito collocato un imponente edificio destinato al culto imperiale, dell’età dell’imperatore Claudio (41-54 d.C.), costituito da una grande aula sontuosamente rivestita di marmi policromi nel pavimento e alle pareti, e di un porticato o pronao antistante, forse di quattro colonne corinzie, affacciato su una delle principali strade della città romana, il decumano massimo, corrispondente all’attuale via dell’Arco di Augusto.
Statue di Claudio, del figlioletto Britannico e di altri membri della famiglia imperiale costituivano le immagini collegate a questo culto molto diffuso in tutto il mondo romano.

The Augusteum of Fanum Fortunae

Mediateca Montanari stands on a very important site of Roman Fano.
It is a wide area surrounded by “Portici” having colums made of brick, where the tops and the bottoms are made with the traditional Tuscany style.
This is maybe due to the teathre wich remains close by, to offer a more luxurious spectacle for the audiences regularly attending the shows.

The building was realized at the end of the I century B.C.
On the east side of the four-sided “Portico” was hereafter place an imposing building assigned to the imperial veneration of Claudio emperor age (41-54 A.D.)

It consist in a wide room simptuously composed by polychromatic marbles in the floor and on the walls, and by arcade or opposite pronaos, perhaps having four Corinthian colums wich faced in one of the main roads of the Roman city, the “Decumano Massimo”, wich corresponds to the corrent street of the “Arco di Augusto”. Claudio's statues, of the “Britannic son” and the other imperial family members as well, composed the images related to this veneration strongly diffused in the whole Roman world.


Scavi archeologici

Visite libere

È possibile effettuare visite libere agli scavi archeologici della Memo in base alle aperture del calendario riportato qui.

Visite guidate

Per prenotare una visita guidata agli scavi è possibile contattare:
MANUELA PALMUCCI
lelaste@gmail.com
346 6701612
349 1337893

 

 

 

Copyright © 2017 Mediateca Montanari e Biblioteca Federiciana - Gestito con Docweb [id] - Cookie Policy