Contenuto pagina
Mediateca Montanari e Biblioteca Federiciana
L'abate Domenico Federici

Biblioteca Federicicana: l'abate Domenico Federici

"Primo di tre figli maschi, Domenico Federici nacque il 16 maggio 1633 a Bargni, castello di 225 anime, sottoposto al governo di Fano. Suo padre, Sebastiano di Domenico di Federigo, e sua madre, donna Domenica di Luciano, erano, dice L. Filippo Polidori, benestanti "di civil sangue".
[Aldo Deli , "L'abate Domenico Federici", in La biblioteca Federiciana, Nardini editore 1994]

Dopo gli studi, verosimilmente di diritto e filosofia, prese a muoversi con vari incarichi al servizio di importanti personalità tra Verona, Venezia, Innsbruck e Roma. Durante questi anni di spostamenti conobbe personaggi come il poeta Ciro di Pers (con cui strinse amicizia), come il gesuita Daniello Bartoli o il pittore Salvator Rosa. Dopo diverse vicissitudini, tra le quali anche un misterioso periodo di confino in Tirolo, Federici torna a Fano, dove riprende la sua attività di poeta e, sopattutto, di storico del diritto: la sua opera La verità vendicata dei sofismi di Francia (in cui prende le parti dell'imperatore contro le pretese del re di Francia) è una delle più documentate trattazioni che fiorirono negli anni della Guerra di Devoluzione. Fu proprio grazie a quest'opera che il Federici nel 1667 venne nominato segretario all'ambasciata imperiale a Venezia: un incarico prestigioso che, nonostante l'avversione degli ambienti veneziani, egli svolse con capacità e diplomazia, fino al gennaio del 1680. L'anno dopo, il 24 gennaio, entrò nella casa degli Oratoriani di Fano. Negli anni che seguirono va ricordata la fitta corrispondenza d'amicizia con Angelo Ranuzzi, vescovo di Fano e, in seguito, nunzio straordinario a Parigi presso Luigi XIV e poi cardinale. L'abate Domenico Federici morì, a 87 anni, il 27 novembre 1720.

 

Le opere

Incisione tratta da "L'Elice per musica"

 

Risorse online:
una "biblioteca digitale" delle opere di Domenico Federici

 

 

 

Nell'ingresso al monastero dell'ill. sig.ra d.a Agnese marchese di Grana, e Caretto. Vienna: Cosmerovio, 1665
[fonte: Österreichische Nationalbibliothek]
raccolta poetica

 

L'onore trionfante.
Vienna: Cosmerovio 1666
[fonte: Google Books
dramma musicato da Pietro Andrea Ziani

 

L'Elice per musica.
Vienna: Cosmerovio, 1666
[fonte della partitura manoscritta: Österreichische Nationalbibliothek]
dramma musicato da Pietro Andrea Ziani

 

Gli affetti pietosi per il corpo di Cristo.
Vienna: Cosmerovio, 1666
[fonte: Google Books]
oratorio

 

Oratorio d'Assalonne punito.
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte delle tracce audio: Presto Classical]
[fonte delle tracce audio: AllMusic]
oratorio

 

L'ambizione punita.
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte: Biblioteca Federiciana]
oratorio

 

Le lacrime della pietà sul sepolcro di Cristo.
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte: Biblioteca Federiciana]
oratorio

 

Eliotropio della gloria.
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte: Österreichische Nationalbibliothek]
panegirico

 

Il colosso della virtù
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte: Österreichische Nationalbibliothek]
panegirico

 

La verità vendicata da i sofismi di Francia.
Vienna: Cosmerovio, 1667
[fonte: Bayerische StaatsBibliothek digital]
trattato politico pubblicato sotto lo pseudonimo Nicodemo Riccafede

 

Serenissi.mo Principi Christiano Pyasto Brigii, Lignitzii, & Vvolae Supremo Duci.
[fonte: Biblioteca Federiciana]
Vienna: s.e., 1668
panegirico

 

La caduta di Salomone.
Vienna: Giovanni Battista Hacque, 1674
[fonte: Universitätsbibliothek Augsburg]
oratorio musicato da Antonio Draghi

 

Phosphorus Hermeticus
Fano: Francesco Gaudenzi, 1683
[fonte: Biblioteca Federiciana]
trattato alchemico pubblicato sotto lo pseudonimo Teophilus Novalckindus

Copyright © 2018 Mediateca Montanari e Biblioteca Federiciana - Gestito con Docweb [id] - Privacy Policy